rotate-mobile
social Ronciglione

Vicanite e Capranicaite. Gli spettacolari cristalli scoperti al Lago di Vico

Un universo sorprendete, coloratissimo e microscopico. Alcuni dei cristalli più desiderati e rari al mondo sono stati scoperti proprio nell'area del Lago di Vico

Alcuni di essi hanno nomi che, solo a pronunciarli, parlano già della Tuscia. Vicanite, Capranicaite sono soltanto alcuni dei nomi di questi cristalli così tanto unici da suscitare il desiderio di collezioni di tutto il globo.

È nelle rocce del Lago di Vico che si trovano alcuni minerali, come reso noto dall'ente parco, "coloratissimi e famosi tra i mineralogisti di tutto il mondo. Appassionati, studiosi e collezionisti sono spesso alla ricerca di alcuni tra questi, talora rarissimi, dai colori e dalle trasparenze affascinanti".

Alcuni di essi sono stati scoperti per la prima volta proprio da queste parti tanto che, come detto, hanno ricevuto denominazioni che richiamano le località prossime al Lago di Vico.

L'invaso è situato all’interno della caldera sprofondata di un antico vulcano oggi inattivo. A fianco del lago sono presenti due coni più giovani, ovvero, il monte Venere e il Fogliano entrambi diventati siti d’interesse comunitario. A causa del passato vulcanico, qui sono presenti aree dov’è possibile ammirare rocce come i tufi rossi, la leucitite e le scorie. E poi, nascosti all’interno di enormi massi o ciottoli, ecco che sono presenti coloratissimi minerali molto famosi tra i mineralogisti di tutto il mondo. Si tratta però di reperti submillimetrici che non è facile vedere a occhio nudo. Per apprezzarli è necessaria una lente d’ingrandimento o, meglio, uno stereomicroscopio.

I cristalli del Lago di Vico

Foto tratta da: www.parchilazio.it

minerali

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicanite e Capranicaite. Gli spettacolari cristalli scoperti al Lago di Vico

ViterboToday è in caricamento