rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
CALCIO / Palazzina / Via della Palazzina

Viterbese, clima infuocato al Rocchi: dirigenza contestata e giocatori bloccati due ore dai tifosi allo stadio

Contestazione durissima degli ultras gialloblu, che bloccano l’uscita dall’impianto dei giocatori: “Andate ad allenarvi altrove”

Seppur con una rosa ridotta all’osso, ieri sono ripresi gli allenamenti della Viterbese di Marco Arturo Romano. Con 14 giocatori a disposizione, numero esiguo anche per il campionato di Promozione che, tecnicamente, la squadra dovrà affrontare, l’allenatore Gianluca Sgarra ha cominciato la preparazione in vista dell’avvio del torneo. Questo in un clima di contestazione molto pesante che ieri è sfociato in dei momenti di tensione ai cancelli dello stadio Rocchi. Alle 17:30, quando la seduta è terminata, i calciatori e lo staff tecnico si stavano dirigendo verso l’uscita dell’impianto, dove nel frattempo si era radunato un nutrito gruppo di ultras gialloblu. I tifosi, ormai sul piede di guerra da mesi, hanno impedito alla squadra di uscire dallo stadio, trattenendola al Rocchi per due ore. Non costringendoli con la forza fisica o minacciandoli, ma restando fuori al cancello. Intimoriti dalla contestazione, i giocatori hanno deciso di rimanere all'interno dello stadio.

Già qualche minuto prima, i supporters della Viterbese avevano intonato cori contro l’attuale dirigenza, composta da Marco Arturo Romano e l’avvocato Luca Tilia, che a loro dire sarebbe “abusiva”. Così, i tifosi hanno sbarrato l’ingresso e i giocatori, dalle 17:30, alla fine sono usciti alle 19:30. Due ore dopo. C’è stato inevitabilmente qualche momento di tensione, in cui sono volate parole grosse e insulti. Nel mentre, secondo quanto appreso dalla redazione di ViterboToday, la dirigenza sarebbe uscita dal cancello principale per evitare il faccia a faccia con i contestatori. Per cercare di risolvere la questione, l’allenatore Sgarra è uscito a parlare coi tifosi: “Siamo padri di famiglia, lavoratori. Cercate di capirci, noi non c’entriamo niente”, ha detto. Per tutta risposta, gli ultras hanno ribadito che non li faranno mai giocare a Viterbo: “Ogni domenica sarà una multa, vi faremo cori contro ed insulti”. Sgarra ha detto di prenderne atto, chiedendo però di poter far andare a casa i ragazzi, perlopiù giovani ed impauriti dal pesantissimo clima che aleggia attorno alla squadra.

Contestazione dei tifosi della Viterbese: l’allenatore Sgarra parla agli ultras

Dalla tifoseria sono state elevate altre richieste: “Non venite ad allenarvi qui, trovate un altro  campo perché la vostra permanenza qui è un’offesa a noi viterbesi ed un affronto alla storia della Viterbese”. Alle 19:30 i tifosi hanno finalmente lasciato andare la squadra, non prima di lanciare un avvertimento: “Preparatevi perché ogni giorno sarà così, non sarà né il primo né l’ultimo. Qui dentro non vi ci vogliamo, andatevene altrove. Viterbo siamo noi”. E, se questo è il clima ad agosto, figuriamoci durante il campionato a cosa si potrebbe arrivare.

C’è stato anche l’intervento della Digos, giunta al Rocchi per calmare gli animi e far uscire i calciatori dal Rocchi. Gli ultras tengono comunque a far presente che non ce l’hanno con i giocatori ma con la società, capeggiata da Romano e Tilia. “L’ennesima dimostrazione del loro menefreghismo - dice un tifoso a Today - è arrivata quando hanno lasciato la squadra sola ad affrontare la contestazione. Hanno preferito mandare avanti loro. Non c’era un dirigente, solo 14 giocatori che sono dei ragazzini e si guardano attorno spaesati e intimoriti. Non sanno cosa fare, è uno spettacolo indegno e indecente. Romano e Tilia sanno benissimo perché sta succedendo tutto questo, dovrebbero prenderne consapevolezza una volta per tutte e lasciare per sempre Viterbo e la Viterbese”. L’ultima frase, poi, è stata rivolta a Sgarra: “Vattene finché sei in tempo, non prenderai mai una lira da questa società. Il tuo contratto è carta da salame”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viterbese, clima infuocato al Rocchi: dirigenza contestata e giocatori bloccati due ore dai tifosi allo stadio

ViterboToday è in caricamento