rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Cucina Acquapendente

Le fregnacce "bone calle o chiacce": la ricetta delle crepes di Viterbo

Un piatto tipico della tradizione carnevalesca della Tuscia. Belle, buone e super nutrienti. Ecco come prepararle a casa

Ad Acquapendente si chiamano fregnacce, a Caprarola sono le pizzacce, a Orte i frittelloni e a Vignanello il loro nome è bertolacce. In qualsiasi modo le si chiami, queste leccornie tipiche del periodo di Carnevale - molto simili a delle crepes - sono una delle delizie più apprezzate della Tuscia tanto che un detto popolare recita: “Le fregnaccie so’ bone calle o chiacce”. Ecco come prepararle.

Ingredienti

  • Farina di grano
  • Sale
  • Olio d’oliva
  • Formaggio
  • Uova e latte (facoltativi)

Preparazione

In una scodella mescolare acqua fredda e farina, aggiungendo anche un pizzico di sale (per renderla più nutriente, ma meno leggera, si può aggiungere anche uova e latte) fino a che non si forma una pastella. Lasciate il composto riposare per un paio d’ore. Prendere una padella e versare un cucchiaio d’olio, quanto basta per ungerla e farla riscaldare. Per rendere il tutto più saporito si può ungere la padella usando della cotica di maiale. Quando l’olio sarà ben caldo, spandere velocemente un cucchiaio di pastella in modo che si crei uno strato molto sottile, ma sufficiente da non rompersi. Una volta che sarà cotta da un lato, occorrerà girarla girala dall’altro lato e farla cuocere per qualche secondo. A cottura ultimata disporre la pizzaccia su di un piatto e spolverarla con del pecorino (oppure con dello zucchero, se la si vuole fare dolce).

Foto di copertina tratta da beufalamode.blogspot.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le fregnacce "bone calle o chiacce": la ricetta delle crepes di Viterbo

ViterboToday è in caricamento