rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
social

Ombrelli, cucchiai e sale: i 10 riti scaramantici che allontanano la sfortuna da casa

Dieci credenze popolari, tra le più diffuse in tutta Italia, per non avere "problemi" con la sfortuna in casa

Peppino de Filippo avrebbe riassunto il tutto con "Non è vero... ma ci credo". Se siete persone scaramantiche sicuramente saprete già che alcuni comportamenti all'interno della propria abitazione possono essere interpretabili come "malauguranti". Verità o mera superstizione,  ecco le 10 credenze popolari per allontanare la cattiva sorte dalla propria abitazione.

1- Non dormire davanti allo specchio 

Lo specchio è visto in molte culture come una finestra verso l’aldilà. Se ci credete e avete un letto frontale alla specchiera spostatelo: c’è chi sostiene che mentre si sogna l’anima lascia il corpo ed entra nello specchio senza trovare più la via del ritorno.

2 - Il letto 

Scendere dal letto col piede destro: sempre. È questa la regola per iniziare bene la giornata. Addirittura nell’antica Roma si entrava nelle case con il piede sinistro solo quando in famiglia si erano verificati dei lutti o altre sventure. Altrimenti il servo, sempre ai tempi dell’antica Roma, invitava gli ospiti ad entrare in casa con il piede destro.

3 - Casa nuova, scopa nuova 

Il folklore americano vuole che portare una vecchia scopa nella nuova abitazione significhi far entrare nella nuova dimora anche le energie negative che negli anni si sono diffuse in quella vecchia. Non solo. Pare che toccare i piedi di una donna nubile con la scopa condannerà la ragazza a non trovare mai marito. 

4 - Non girare il pane 

Quante volte l’abbiamo sentito dire dalla nonna? Pare che poggiando la parte curva della pagnotta sulla superfice della tavola porti sfortuna. 

5 - Ombrelli aperti in casa 

Mai aprire un ombrello in casa perché porta sfortuna. Non a caso, per non correre questo rischio, chi è superstizioso tiene gli ombrelli sempre fuori dalla porta, e invita sempre gli ospiti a fare lo stesso.

6 - La campana 

Secondo la tradizione tibetana, suonare una campanella in tutte le stanze di una casa nuova è come scacciare la negatività per far spazio alla buona sorte. 

7 - Il ferro di cavallo

È l’oggetto benaugurante per eccellenza. Un ferro di cavallo è generalmente ritenuto un portafortuna a tutti gli effetti. Sì, ma bisogna appenderlo nel verso giusto, quindi in modo che formi una “U”.

8 - Buttare il sale

"Il sale versato, dietro alle spalle va gettato". Chi lo fa allontana la sfortuna in un attimo e, si dice, annulli gli effetti negativi provocati dalla caduta del sale. Il sale, nella credenza popolare è considerato uno degli elementi più potenti contro la sfortuna. Sistemarne dei pizzichi negli angoli della propria abitazione aiuterebbe a tenere lontana la sfortuna e contro il malocchio sarebbe uno degli strumenti più validi.

9 – Il cucchiaio 

In alcune tradizioni si sostiene che il cucchiaio non vada mai tenuto con la mano sinistra. Il cucchiaio può anche essere premonitore di buona sorte: nel Nord Europa si crede che due cucchiai appoggiati vicino al piatto con la parte concava rivolta in basso indichino un imminente matrimonio. 

10 – Toccare ferro

Toccare un ferro di cavallo, o comunque un oggetto di ferro, è un rito scaramantico per allontanare possibili sciagure. Quello di toccare ferro è un rito così comune e diffuso che corrisponde pure ad un modo di dire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ombrelli, cucchiai e sale: i 10 riti scaramantici che allontanano la sfortuna da casa

ViterboToday è in caricamento