rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
DECORO URBANO / Vetralla

A Vetralla arrivano "Le giare matte": un esempio di decoro urbano e di artigianato artistico per le città

Storia e innovazione il connubio che ha ispirato la scelta delle nuove installazioni che andranno a completare la galleria d'arte a cielo aperto del centro storico

Vetralla si fa bella, arriva il nuovo decoro urbano in città. Venerdì 19 aprile alle 16:00 in sala consiliare l'amministrazione comunale terrà una conferenza stampa per presentare il prototipo di "Giara matta".  

Il progetto

Portano fortuna, sono di terracotta, nascono dalle mani di un'artista di nome Alessia Sanetti, hanno una faccia un nome e sono colorate. Si chiamano appunto "Le Giare Matte" e sono anche il titolo di un progetto ideato dall'assessorato alla cultura e al turismo di Vetralla. Nello specifico si tratta di un ampliamento della galleria a cielo aperto nel centro storico di Vetralla, costituita al momento da opere fotografiche appese tra vicoli e piazze della città, realizzate dal fotografo di fama internazionale Lorenzo Cicconi Massi, e da un percorso che include alcune panchine colorate e alcuni monumenti tra i più attrattivi, come la Chiesa di San Francesco, Il Duomo e il Palazzo Comunale. " Abbiamo pensato ad un progetto che richiamasse le origini e la storia del nostro territorio - ha spiegato a ViterboToday Daniela Venanzi assessore alla Cultura e al turismo - Naturalmente abbiamo voluto guardare anche all'innovazione e quindi non saranno giare classiche, ma spiritose e colorate. In conferenza stampa presenteremo la numero zero che è già stat creata dalle mani dell'artista. Inizieremo con vicolo del Sole con una prima dotazione di 10 giare". 

Sandro Aquilani - Daniela Venanzi

I personaggi di Vetralla

Inoltre ogni giara porterà il nome di qualcuno, e questi nomi  saranno riferiti a personaggi della storia più antica ma anche più recente, e che hanno avuto a che fare con Vetralla in qualche modo. Sarà divertente per i turisti, ma anche per i cittadini, scoprirle passeggiando. E' il caso di "Papa Eugenio III, Maria Cristina di Svezia, Sigerico, Pia Gusman, Pier Della Vigna, Pietro Canonica, Vittorio Emanuele III, Cardinale Giovanni Borgia, Beniamino Gigli, Domenico Baghini l'uomo cavallo, Andrea Scriattoli e tanti altri. Una lista di nomi a cui hanno dato il loro supporto nella ricerca il professor Andrea Natali e Fulvio Ferri, e siccome è un percorso in itinere ognuno potrà dare il proprio contributo di conoscenza in questo senso. "Lo scopo è quello di far divertire i cittadini e i turisti a scoprire chi è stato di passaggio a Vetralla - ha proseguito l'assessore - Successivamente le giare saranno riempite di fiori da associazioni e volendo anche cittadini i quali dovranno poi prendersene cura". Il progetto oltre ad avere la finalità del decoro urbano ha anche lo scopo sociale di sensibilizzare alla cura delle aree comuni del paese.

Artigianato artistico e economia

"Abbiamo scelto di commissionare le nuove installazioni ad un'artista locale - ha poi concluso Daniela Venanzi - per creare un'indotto all'interno del comune e perchè i cittadini che vorranno acquistare una giara matta per il proprio balcone o il proprio giardino saranno facilitati. Questo progetto ha mille diverse volti, dal sociale, al turistico, passando per l'economia e il decoro urbano, senza poi dimenticare la valorizzazione dell'artigianato artistico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Vetralla arrivano "Le giare matte": un esempio di decoro urbano e di artigianato artistico per le città

ViterboToday è in caricamento