rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
FRODE FISCALE E TRUFFA / Fabrica di Roma

Frode informatica da 25 mila euro: telefonate, messaggi e link per sottrarre soldi alla vittima

Proseguono le truffe agli anziani anche in via informatica: un uomo e una donna denunciati

I carabinieri della stazione di Fabrica di Roma hanno compiuto un altro importante passo nella lotta alle truffe ai danni degli anziani, deferendo un 22enne napoletano responsabile di una sofisticata truffa che ha portato via circa 25mila euro a una vittima ignara.

La truffa

"Il giovane criminale, nel corso di soli dieci giorni, ha utilizzato una serie di artifizi e raggiri, inviando messaggi contenenti link e effettuando telefonate mirate per convincere la vittima a compiere operazioni attraverso l'applicativo delle 'Poste Italiane'- fanno sapere i carabinieri -. Il modus operandi consisteva nell'ingannare la vittima affinché fornisse al truffatore le sue credenziali, password e dati sensibili, permettendogli di agire da remoto e compiere una serie di operazioni finanziarie a suo favore". Grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri e agli accertamenti investigativi, il colpevole è stato individuato e deferito per truffa e frode informatica.

Un'altra truffa

Un altro caso di truffa agli anziani è stato risolto dai carabinieri della stazione di Orte, che hanno deferito in stato di libertà una donna 26enne della provincia di Caserta. La truffatrice si è spacciata per la figlia della vittima attraverso un messaggio in cui affermava di aver rotto il telefono e forniva un nuovo numero di contatto su WhatsApp.

Successivamente, la donna ha continuato a fingersi la figlia, chiedendo un versamento urgente di 648,27 europer l'acquisto di un nuovo cellulare. Dopo la denuncia presentata dalla parte offesa, i Carabinieri hanno avviato un'attività investigativa che ha permesso di risalire all'intestataria del conto utilizzato per il bonifico, procedendo al deferimento della truffatrice a piede libero.

Entrambi i casi evidenziano la crescente sofisticazione delle tecniche utilizzate dai truffatori, che sfruttano la tecnologia per ingannare le vittime più vulnerabili, in particolare gli anziani.

L'attività dei carabinieri

I Carabinieri continuano a intensificare i controlli e le attività investigative per contrastare questo fenomeno in costante aumento, sottolineando l'importanza della consapevolezza e della prudenza da parte della popolazione nel gestire informazioni sensibili e rispondere a richieste finanziarie sospette. “La collaborazione tra le forze dell'ordine e la comunità è fondamentale per prevenire e contrastare efficacemente le truffe online e proteggere
gli anziani da ogni forma di abuso finanziario.” Così il Colonnello, Massimo Friano, comandante provinciale dei Carabinieri di Viterbo commenta l’ennesima vittoria, da parte dei suoi uomini, nella lotta alle truffe. Incessante e sempre vigile, continua il colonnello, la nostra opera di prevenzione e repressione contro questo fenomeno che colpisce la fascia più debole della popolazione, ad opera di individui privi di qualunque scrupolo.
Denunciare sempre, denunciare anche se si abbia solo un piccolo dubbio, l’appello conclusivo del comandante provinciale, poiché la prevenzione è la migliore forma di protezione.

PRESUNZIONE DI INNOCENZA
Il soggetto indagato è persona nei cui confronti vengono fatte indagini durante lo svolgimento dell’azione penale; nel sistema penale italiano la presunzione di innocenza, art 27 Costituzione, è tale fino al terzo grado di giudizio e la persona indagata non è considerata colpevole fino alla condanna definitiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frode informatica da 25 mila euro: telefonate, messaggi e link per sottrarre soldi alla vittima

ViterboToday è in caricamento