rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
MANDATO DI ARRESTO EUROPEO / Capodimonte

Stalker scappa in Croazia per sfuggire all'arresto, catturato su mandato di arresto europeo

L'uomo, denunciato dalla ex fidanzata, aveva cercato di manometterle i freni dell'auto

Aveva trovato rifugio in Croazia, un cinquantenne originario di Capodimonte, ma nei suoi confronti era pendente un mandato d’arresto europeo della Procura della Repubblica di Viterbo a seguito della condanna a 5 anni divenuta definitiva per gli atti persecutori messi in atto nel 2015 nei confronti della sua ex fidanzata.

Cosa è successo

La ragazza dopo avere interrotto una breve relazione sentimentale con l’uomo, è diventata vittima delle persecuzioni di quest’ultimo che, come da copione ormai tristemente diffuso, non si è rassegnato alla separazione. Nemmeno la denuncia della giovane ha ottenuto effetto deterrente, anzi lo stalker ha rincarato la dose, incurante di un primo divieto di avvicinamento alla vittima che gli era stato comminato dal Gip di Viterbo su richiesta della Procura.

L’innamorato respinto ha a quel punto architettato un piano, finemente congeniato, per screditare la ragazza e vendicarsi del suo rifiuto e della denuncia alle autorità. Si è infatti accreditato come qualificata “fonte confidenziale” con i Carabinieri riferendo loro che la propria ex fidanzata è coinvolta in un importante traffico di cocaina triangolato tra la Tuscia, l’Umbria e la capitale e, dopo avere nascosto all’interno dell’auto dell’ignara ragazza dello stupefacente, lo fa rinvenire ai militari con una “soffiata”.
Nonostante il riscontro positivo all’informazione del delatore, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Viterbo approfondiscono la vicenda che, all’occhio di investigatori esperti, appare subito molto nebulosa. Le minuziose indagini, condotte sotto la direzione della
Procura di Viterbo, fanno emergere i suoi veri intenti, ovvero farla pagare alla povera malcapitata. I Carabinieri scagionano così la ragazza e scoprono un quadro molto più grave ed inquietante di quanto già non fosse affiorato in cui, oltre alla calunnia, si scopre
che l’uomo aveva addirittura tentato di manomettere i freni dell’auto della giovane donna.
Sempre il Nucleo Investigativo dei Carabinieri, sotto il costante coordinamento della Procura di Viterbo, nei mesi scorsi ha rintracciato l’uomo nelle coste croate dell’Istria, a pochi chilometri da Trieste nel comune di Torre-Abrega, dove aveva riparato pensando di far perdere le proprie tracce. Grazie ai canali di cooperazione internazionale, pochi giorni fa è stato tratto in arresto dalle Autorità croate che, nella giornata del 29 marzo lo hanno consegnato alla frontiera aerea di Roma Fiumicino.

L'invito dei Carabinieri

La storia, per fortuna a lieto fine per la ragazza ed ormai risalente a qualche anno fa, è una tra la miriade di casi che ogni giorno vengono scoperti e affrontati dall’Arma dei Carabinieri nella Tuscia così come su tutto il territorio nazionale. Il racconto di questo
caso, però, avvenuto ancora agli albori del contrasto ai reati cd “di genere”, vuole essere un ulteriore accorato invito a tutte le vittime di questi crimini infimi affinché denuncino sempre confidando nelle Forze di Polizia e nella Magistratura.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalker scappa in Croazia per sfuggire all'arresto, catturato su mandato di arresto europeo

ViterboToday è in caricamento