rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
VIOLENZA SESSUALE E MALTRATTAMENTI

Abusi sulla sorella appena maggiorenne, arrestato 27enne viterbese

Il ragazzo recluso nel carcere di Mammagialla con le accuse di violenza sessuale e maltrattamenti. La vittima portata in un luogo protetto

Abusi sulla sorella appena maggiorenne. Ma anche botte, schiaffi e calci. Un 27enne nato a Viterbo ma residente in un paese della provincia è stato arrestato dai carabinieri per violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia. Da martedì è recluso nel carcere di Mammagialla.

Una brutta e dolorosa storia, che viene a galla dopo che la ragazza, quest'estate, ha trovato il coraggio di rivolgersi a uno dei centri antiviolenza della Tuscia. Ha chiesto aiuto e subito è stata accolta dalle operatrici, che le hanno dato tutto il supporto e sostegno necessari. Oggi si trova in un luogo protetto lontano dai confini viterbesi.

Le indagini, coordinate dalla pm Paola Conti, sono state affidate ai carabinieri. A occuparsene nei primi momenti, quelli più delicati e in cui bisogna muoversi nel massimo riserbo, sono stati i militari della stazione del paese sui Cimini in cui la giovane viveva. Poi i colleghi del nucleo investigativo.

Gli investigatori hanno ricostruito diversi episodi di maltrattamenti e violenza sessuale, che sarebbero stati ripetuti nel tempo e sarebbero andati avanti per mesi e mesi. Botte, calci e schiaffi che la ragazza avrebbe ricevuto dal fratello 27enne, che l'avrebbe presa anche a maleparole. Poi gli abusi: palpeggiamenti e strusciamenti sulle parti intime. Violenze che sarebbero avvenute nella casa dove i due fratelli vivevano con il padre.

Prima di questa estate la giovane non aveva mai trovato la forza di rivolgersi a forze dell'ordine, centri antiviolenza o personale sanitario. Quando poi si è fatta coraggio ha iniziato a raccontare di quel fratello che alzava le mani su di lei, per poi arrivare agli abusi subiti.

Accuse gravissime, che hanno portato la procura di Viterbo a chiedere la custodia cautelare in carcere. Accolta dalla gip Rita Cialoni, la misura è stata eseguita martedì mattina dai carabinieri che hanno portato il 27enne a Mammagialla dove nelle prossime ore, difeso dall'avvocato Remigio Sicilia, comparirà davanti al giudice per l'interrogatorio di garanzia. Il ragazzo era già noto alle forze dell'ordine, per precedenti per droga e stalking. Aveva l'obbligo di dimora nel comune di residenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sulla sorella appena maggiorenne, arrestato 27enne viterbese

ViterboToday è in caricamento