Domenica, 14 Luglio 2024
I CONTROLLI DEI CARABINIERI / Tuscania

Lavoro nero e scarsa sicurezza nel cantiere del superbonus, denunciati tre imprenditori

Per i titolari di tre ditte edili sanzioni per 22mila euro e sospensione dell'attività

I carabineri nei cantieri del superbonus. Con "l'obiettivo di contrastare il lavoro nero e garantire la sicurezza dei lavoratori", a Tuscania i militari della stazione, del Norm e del Nil, con la collaborazione dell'Ispettorato territoriale del lavoro di Viterbo, sono entrati per un'ispezione in un cantiere per la ristrutturazione di una palazzina con il 110% scoprendo lavoro nero e scarsa sicurezza.

Denunciati 3 imprenditori

I titolari delle tre ditte edili operanti nel cantiere sono stati denunciati, per violazioni diverse, alla procura di Viterbo e sanzionati amministrativamente per un totale di circa 22mila euro. Inoltre, l'Ispettorato territoriale del lavoro ha sospeso l'attività imprenditoriale delle tre le ditte fino alla risoluzione delle presunte non conformità.

Cosa è stato scoperto

Le principali violazioni riguarderebbero il lavoro nero. "Sono stati individuati - riportano i carabinieri - diversi lavoratori in nero, pari al 34% del totale degli operai impiegati". Ma "anche in materia di sicurezza sul lavoro sono emerse irregolarità. Nell'allestimento dei ponteggi, privi di barriere di protezione e quindi con pericolo di caduta dall'alto. Inoltre il cantiere era privo di recinzione, necessaria a impedire l'accesso alle lavorazioni agli estranei".

Ed ancora. "Nel corso delle procedure di identificazione e controllo degli operai - aggiungon i carabinieri - un cittadino albanese è stato trovato senza permesso di soggiorno e sono state avviate le pratiche amministrative con l'Ufficio immigrazione della questura di Viterbo".

Controlli anche nei prossimi mesi

"Il lavoro nero - commentano i carabinieri - è un fenomeno che danneggia lavoratori e imprese. I lavoratori in nero sono privi di tutele contrattuali e previdenziali e sono esposti a un maggiore rischio di infortuni e malattie professionali. La sicurezza sul lavoro è un diritto fondamentale dei lavoratori. Le imprese edili hanno l'obbligo di garantire la sicurezza dei propri dipendenti, adottando tutte le misure necessarie per prevenire gli infortuni e le malattie professionali. I controlli proseguiranno nei prossimi mesi, al fine di garantire i diritti dei lavoratori e assicurare la sicurezza sui luoghi di lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nero e scarsa sicurezza nel cantiere del superbonus, denunciati tre imprenditori
ViterboToday è in caricamento