rotate-mobile
provincia Tarquinia

Scontro tra Giulivi e Scorsese: "No alle riprese a Tarquinia". Interviene Rocca: "Opportunità da non perdere". Dietrofront del sindaco

Il primo cittadino aveva lamentato ritardi nella richiesta di autorizzazioni da parte della produzione del film statunitense "In the hand of Dante". Il presidente della Regione Lazio ha mediato

Scontro tra il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi e la produzione del film statunitense "In the hand of Dante". Dopo che la pellicola, prodotta da Martin Scorsese, diretta Julian Schnabel e con un cast stellare composto da attori e attrici del calibro di Gal Gadot, Jason Momoa, Johnny Depp e Gerard Butler, è stata girata a Viterbo, è previsto che le riprese debbano spostarsi nel comune sul litorale. Il 21 e il 22 novembre nella zona della chiesa di Santa Maria in Castello, e dovrebbero coinvolgere circa 200 comparse. Ma la richiesta, stando al primo cittadino di Tarquinia, sarebbe stata caratterizzata da ritardi.

Secondo il regolamento del Comune, infatti, le domande per le riprese cinematografiche dovrebbero arrivare entro 30 giorni. Ma quella della produzione di "In the hand of Dante" sarebbe stata presentata ufficialmente solo qualche giorno fa, nonostante con l'amministrazione ci fossero stati contatti già nei mesi scorsi. Da qui il "no" di Giulivi, motivato dalla difficoltà nel riunire la prevista commissione con tutti i soggetti interessati.

GALLERY | Sul set di In the hand of Dante: le foto di Gal Gadot, Oscar Isaac e Julian Schnabel

Sulla questione è intervenuto, a margine di un evento in Regione, anche il governatore Francesco Rocca, che ha mediato. "Il cinema è una delle principali industrie del paese e in particolare della regione Lazio, che sta investendo molto in questo settore. Sono certo che entro oggi si risolverà ogni problema legato al film. Finalmente le grandi produzioni internazionali stanno tornando a investire nel Lazio e sono certo che il sindaco di Tarquinia troverà le soluzioni più idonee per non far perdere questa opportunità al territorio".

Il risultato? Dietrofront di Giulivi, che ha rivisto il suo "no" alla riprese. 

In una nota il Comune di Tarquinia afferma: "Non è mai stato dato alcun diniego allo svolgimento delle riprese. Nell'incontro di questo pomeriggio sono stati chiariti alcuni iniziali fraintendimenti e sono stati definiti tutti i passaggi che avevano creato le incertezze dovute dagli stretti tempi con cui è stata presentata l'istanza di autorizzazione.

"La produzione - dichiarano dalla Indiana production, stando sempre alla nota del Comune -, dopo aver avuto un incontro con il sindaco, ha risolto le iniziali incompresioni nate a causa di una errata comunicazione ma ha trovato da parte dell'amministrazione una piena disponibilità e una totale collaborazione per la buona riuscita delle riprese".

Pertanto - fanno sapere dal Comune di Tarquinia -, è confermato l'originale piano di lavorazione e nei prossimi giorni inizieranno a Tarquinia le riprese del film di Julian Schnabel".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro tra Giulivi e Scorsese: "No alle riprese a Tarquinia". Interviene Rocca: "Opportunità da non perdere". Dietrofront del sindaco

ViterboToday è in caricamento