Domenica, 14 Luglio 2024
COLPO NELLA NOTTE / Orte / Via dei Calafati

Rapina in gioielleria a Orte, il proprietario: "Mi hanno spaccato la testa con un'accetta"

Ladri sfondano la saracinesca e la porta d'ingresso della Paris new jewels nel cuore della notte. Un malvivente preso e arrestato dai carabinieri durante la fuga. Caccia ai complici

Un filo di voce. Quando alle 19 di giovedì 21 marzo Maurizio Paris risponde al telefono della sua gioielleria a Orte è ancora molto provato e affaticato. "Sono appena stato dimesso dall'ospedale di Viterbo, dove mi hanno ricoverato perché uno dei malviventi mi ha tirato un'accetta contro che mi è costata dei punti in testa". Riesce a dire solo questo. Anche perché in quel momento nella sua attività, che da anni vende monili e preziosi, c'erano i carabinieri, tornati "per fare il punto della situazione", ulteriori rilievi e ricostruire insieme a Paris cosa è accaduto la notte precedente.

Stando a quanto finora raccolto, tra mercoledì 20 e giovedì 21 marzo malviventi hanno sfondato la saracinesca e la porta d'ingresso a vetri della Paris new jewels, presumibilmente con un piede di porco, per poi entrare nell'attività di via Calfati, nel quartiere Petignano di Orte, per mettere a segno il colpo. Obiettivo, però, fallito. L'allarme della gioielleria, infatti, ha iniziato a suonare attirando l'attenzione del proprietario che vive poco lontano.

Quando Paris è sceso in strada si sarebbe imbattuto nei ladri. Questi ultimi, disturbati proprio dall'uomo, non sarebbero riusciti a portare via nulla di quanto presente nell'attività. Nella fuga, però, uno di loro ha aggredito il proprietario tirandogli contro un'accetta che lo ha colpito in testa provocandogli una ferita che è poi stata suturata dai medici del pronto soccorso di Belcolle.

I malviventi sarebbero stati quattro. Due scappati a bordo dell'auto di grossa cilindrata con cui sono entrati in azione e altrettanti a piedi. Uno di questi ultimi è poi stato raggiunto dai carabinieri, subito intervenuti perché già impegnati nel pattugliamento della zona, ed è stato arrestato. Portato a Mammagialla, sarebbe un uomo di origini straniere.

Le indagini sono in corso, con l'obiettivo di individuare e rintracciare i complici del ladro finito in carcere. I militari, come è prassi in questi casi, dopo aver fatto i primi rilievi nella gioielleria e raccolto la testimonianza del proprietario, stanno passando al setaccio i video delle telecamere di sorveglianza dell'attività e della zona alla ricerca di elementi utili. Per le modalità con cui si sono svolti i fatti, ossia l'aggressione nei confronti del proprietario per guadagnarsi la fuga, si tratta di una rapina impropria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in gioielleria a Orte, il proprietario: "Mi hanno spaccato la testa con un'accetta"
ViterboToday è in caricamento