rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
CRONACA

Viola il divieto di avvicinamento alla ex e la minaccia: per lui si aprono le porte di Mammagialla

L'uomo, un 48enne, è stato tratto in arresto in flagranza per violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento

Nella serata del 17 dicembre, in un centro della provincia, i carabinieri della Compagnia di Viterbo hanno tratto in arresto in flagranza per violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa un quarantottenne di origine rumena. "Nel monitorare i movimenti dell’uomo a tutela della ex convivente, vittima di maltrattamenti, i militari lo hanno sorpreso nell’abitazione della donna, dove si era presentato pronunciando ennesime minacce - fanno sapere i militari - Nell’immediatezza, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria competente, l’uomo è stato ristretto in camera di sicurezza, sino all’udienza del giorno seguente presso aula del Tribunale di Viterbo. Convalidato l’arresto al netto delle attività d’indagine frattanto condotte dai Carabinieri, il quarantottenne è stato infine soggetto ad ordinanza di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere ed è stato tradotto alla casa circondariale del capoluogo in località Mammagialla".

PRESUNZIONE DI INNOCENZA
Il soggetto indagato è persona nei cui confronti vengono fatte indagini durante lo svolgimento dell’azione penale; nel sistema penale italiano la presunzione di innocenza, art 27 Costituzione, è tale fino al terzo grado di giudizio e la persona indagata non è considerata colpevole fino alla condanna definitiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viola il divieto di avvicinamento alla ex e la minaccia: per lui si aprono le porte di Mammagialla

ViterboToday è in caricamento