L'ALLARME

Violenza sulle donne, è emergenza sociale. Sedici casi in un mese, tre vittime in ospedale

A febbraio un episodio ogni due giorni nella Tuscia. Carabinieri in prima linea contro i reati di genere: un arresto e un allontanamento, sette divieti di avvicinamento. L'appello: "Denunciare sempre e subito"

Sedici casi di violenza sulle donne denunciati nell'ultimo mese, una media di quasi uno ogni due giorni. "Un dato che richiama urgentemente l'attenzione su un'emergenza sociale che non può essere trascurata", affermano i carabinieri di Viterbo, in prima linea contro i reati di genere: dal comando provinciale alle varie stazioni, in tutta la Tuscia. A febbraio le indagini, condotte in collaborazione con il nucleo investigativo, hanno portato alla luce una realtà allarmante: 16 casi di violenza contro le donne messi all'attenzione delle autorità giudiziarie.

"Spesso - spiegano i militari - queste violenze si verificano in contesti isolati, dove la vittima rischia di essere ancora più sola e vulnerabile". Ignorare la gravità della situazione non è possibile. Di recente, dieci sono stati i casi di maltrattamenti e sei di stalking, "molti dei quali - sottolineano i carabinieri - si verificano dopo la separazione". Sette i divieti di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, con un caso che ha richiesto persino l'allontanamento dalla casa familiare. In un episodio particolarmente grave, è scattato l'arresto in flagranza per violazione della misura di protezione: un ex partner ha ripetutamente minacciato e tormentato la sua ex compagna.

L'intervento dei carabinieri è stato cruciale anche in situazioni di emergenza, dove la vita delle vittime era direttamente in pericolo. In tre casi i militari hanno dovuto trasportare urgentemente la donna al pronto soccorso per garantirle le cure mediche necessarie. Solo dopo questo momento critico, sono state incoraggiate a denunciare l'abuso subito.

Per i militari, "è importante sottolineare che questa piaga sociale non risparmia nessuna fascia d'età, nazionalità o stato sociale. La casistica del mese scorso ha dimostrato una varietà e un diffondersi dell'abuso che coinvolge tutti gli ambienti della provincia di Viterbo. Nonostante le sfide e le difficoltà incontrate nel lavoro quotidiano - commentano -, resta la convinzione che l'impegno abbia un impatto significativo nel salvare donne dalla violenza e nell'aiutarle a uscire dalla spirale di abuso in cui sono intrappolate contro la propria volontà. Tuttavia, è importante ribadire un appello alle donne: denunciate sempre e subito. Solo così possiamo combattere efficacemente questa emergenza e garantire un futuro più sicuro per tutte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, è emergenza sociale. Sedici casi in un mese, tre vittime in ospedale
ViterboToday è in caricamento