rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
RITORNO DI FIAMMA / Tarquinia

Gianni Moscherini si prepara a correre di nuovo alle comunali, ma il centrodestra si divide

Il politico litoraneo pronto a candidarsi nuovamente a Tarquinia: potrebbe essere lui il candidato del centrodestra per il dopo Giulivi, ma FdI nutre dei dubbi

Sembra essere quasi tutto pronto per il ritorno in campo di Gianni Moscherini. L'ennesimo, dopo le candidature a sindaco nel 2017 e nel 2019 a Tarquinia, quella del 2012 a Civitavecchia e l'ultima nel 2022 a Cerveteri. Tutte quante perse. Il politico litoraneo si è seduto, attualmente da indipendente, al tavolo delle trattative imbastito dal centrodestra per scegliere il dopo Giulivi. Quest'ultimo, infatti, non gode della fiducia di Forza Italia, Lega, UdC e civici, pronti a fare le barricate in caso di una sua corsa per la rielezione alle prossime comunali del 2024. All'appello della coalizione, però, manca Fratelli d'Italia, ancora indeciso sul da farsi.

I quattro partiti, eccezion fatta dei meloniani, da diverse settimane hanno iniziato a dialogare per scegliere un proprio candidato da contrapporre, eventualmente, a Giulivi, sul quale è stato posto de facto un veto in seno al centrodestra. È in questa mediazione che si è immesso Moscherini, da sempre personaggio vicino a Forza Italia e all'UdC. In questo momento, a fare da portavoce alla coalizione alternativa, è il leader dello scudo crociato Gino Stella, il quale ha già fatto sapere che, qualora FdI volesse, per loro la porta è ancora aperta. A patto che scarichino Giulivi. Ma, esattamente, per supportare chi?

In queste ore sta prendendo piede proprio l'ipotesi di una nuova discesa in campo di Moscherini, sulla cui figura i vertici locali e provinciali di Fratelli d'Italia nutrono però più di qualche dubbio. Se l'ex inquilino del Pincio è ben visto da berlusconiani e centristi, i quali non sembrano aver trovato la quadra su altri nomi, nonostante le serrate trattative, dal circolo tarquiniese della fiamma tricolore qualcuno tiene a far presente che, nelle ultime due elezioni in cui FdI lo ha supportato, alla fine sono stati altri a vincere. Moscherini, difatti, ha già perso per ben due volte al ballottaggio nel comune tirrenico viterbese, prima contro Mencarini e la seconda esattamente contro Giulivi. Dettaglio non proprio di poco conto alle porte di una tornata elettorale che appare ancora confusa e frastagliata, con il Pd e il centrosinistra ancora in alto mare e un centrodestra al momento diviso.

Le prossime settimane saranno sicuramente utili per delineare un primissimo quadro generale, con la possibilità di rivedere un remake della sfida del 2019 tra Giulivi (che non ha ancora deciso se ricandidarsi o meno) e Moscherini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gianni Moscherini si prepara a correre di nuovo alle comunali, ma il centrodestra si divide

ViterboToday è in caricamento