rotate-mobile
LA POLEMICA

Scuola musicale, Allegrini sul ritardo dell'inizio dei corsi: "Amministrazione incapace di trasferirla nei nuovi locali"

La consigliera comunale di Fratelli d'Italia, già assessora, attacca il vicesindaco Alfonso Antoniozzi

Riceviamo e pubblichiamo dalla consigliera comunale di FdI Laura Allegrini la risposta all'assessore Alfonso Antoniozzi sulla Scuola musicale comunale

Per il ritardo nell'avvio annuale dei corsi della Scuola musicale comunale, l'assessore Antoniozzi cerca di scaricare responsabilità sulla vecchia amministrazione quando, invece, è evidente che il ritardo è legato all'incapacità dell'attuale amministrazione di trasferire la scuola nei nuovi locali.

Sono rimasta molto meravigliata di quanto dichiarato nei giorni scorsi dall'assessore Antoniozzi che sa bene che il restauro dei locali retrostanti al teatro dell'Unione è stata una precisa volontà dell'amministrazione Arena e mia in particolare. Questi locali possono ovviare anche temporaneamente alla chiusura della sede della Scuola musicale sopra il ridotto del teatro dell'Unione il cui restauro è molto più oneroso, lungo e complesso.

Mi meraviglia, quindi, che invece di apprezzare la nuova strada che si è aperta per la Scuola musicale, oltre alla consueta permanenze nella scuola del Carmine, l'assessore critichi, anche in maniera scomposta, devo dire garbata come suo solito ma gravemente scomposta e pericolosamente falsa, i fatti che riguardano le verifiche e il restauro della scuola del Carmine.

L'assessore fa riferimento a una relazione che fa seguito a una indagine commissionata dalla vecchia amministrazione grazie a un finanziamento ministeriale i cui risultati non sono mai stati letti né da me né da Arena né da Micci perché la lettera di comunicazione delle risultanze è arrivata ben dopo la caduta della amministrazione.

Prima di addossare colpe e responsabilità sarebbe stato, quindi, opportuno che l'assessore Antoniozzi si fosse procurato copia della lettera di trasmissione degli atti o avesse verificato bene quanto magari a lui comunicato o trascritto da persone di sua fiducia magari all'oscuro della realtà. Oppure non comprendo se volesse chiamare in causa il commissario o mettere in discussione il lavoro degli uffici. E comunque se, come mi sembra, il settore Lavori pubblici è stato smembrato in tre parti penso che dovreste riuscire a far dialogare i tre dirigenti altrimenti la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra.

Mi auguro comunque che i corsi aprano al più presto per il bene dei ragazzi e la tranquillità delle famiglie e, aggiungo, per il prestigio che da sempre ha caratterizzato la Scuola musicale del comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola musicale, Allegrini sul ritardo dell'inizio dei corsi: "Amministrazione incapace di trasferirla nei nuovi locali"

ViterboToday è in caricamento