rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
LE CONTROMISURE / Centro Storico

Degrado e violenza in centro storico, la ricetta di comune e prefettura: più telecamere, nuova illuminazione ed eventi in piazza

Queste le indicazioni uscite dal tavolo di ieri in prefettura per combattere il degrado in centro storico

Degrado in centro storico, ieri l’ennesimo episodio: una lite tra giovani al Sacrario, per cui sono dovute intervenire due pattuglie della polizia. Ironia della sorte, il fatto è accaduto poche ore dopo l’incontro in prefettura tra il prefetto Antonio Cananà e il sindaco Chiara Frontini, dal quale sono uscite le prime indicazioni per arginare la pericolosa deriva del centro storico.

Le autorità, dal summit, sono uscite con una convergenza sulle azioni da intraprendere per contrastare il degrado. La prima novità è che sono stati programmati servizi straordinari di controllo del territorio, detti “ad alto impatto”, aggiuntivi a quelli ordinari, come previsto dalla nuova circolare emanata dal Viminale. “Si tratta - spiegano dalla Prefettura - di servizi interforze ad elevata visibilità che si svolgeranno, con la partecipazione anche della polizia locale, secondo le indicazioni operative impartite dal questore”. È stata presa quindi in considerazione anche l’ipotesi di rivolgersi a forze esterne rispetto a quelle attualmente operative a Viterbo, che potrebbero intervenire semmai dovessero verificarsi casi gravissimi.

Per ora, però, la ricetta immediata è composta da tre ingredienti principali: nuova illuminazione pubblica, più telecamere e rivitalizzazione delle piazze. A condire il tutto i due provvedimenti di cui negli ultimi mesi si è parlato molto: il daspo Willy e quello convenzionale. “Parliamo di azioni - ha osservato Cananà - che in parte l’amministrazione comunale ha già in cantiere e, in altra parte, potrà adottare nella propria libera autodeterminazione, in risposta alle mutevoli contingenze”.

Quindi spazio ad un ammodernamento dell’illuminazione pubblica, con focus particolare sul Sacrario e su San Faustino, considerate zone calde. Poi un ampliamento dell’impianto di videosorveglianza, sempre nelle due zone, nei parcheggi (teatro di spaccio e rapine nell’ultimo mese) e in altre aree del centro. Infine, saranno incentivate ancor di più gli eventi in piazza, così da farle tornare a disposizione dei cittadini e scacciare la criminalità. Le iniziative culturali e ludiche, secondo prefettura e comune, faciliteranno la rivitalizzazione delle piazze. Questi interventi, secondo Cananà e Frontini, assieme alle azioni di prevenzione e contrasto delle forze di polizia, daranno il senso di una risposta organica alle istanze di sicurezza provenienti dalla comunità locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado e violenza in centro storico, la ricetta di comune e prefettura: più telecamere, nuova illuminazione ed eventi in piazza

ViterboToday è in caricamento