rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
LA STORIA / Vasanello

Giornata della memoria, i ragazzi di Vasanello riuniti per le celebrazioni

E’ stata Maria Allegrini a raccontare  ai giovani il coraggio dello zio, Sebastiano Pieri, al quale il Comune di Vasanello ha dedicato "una pietra di inciampo"

Scuole riunite al cinema Albertone di Vasanello per le celebrazioni del Giorno della memoria. Su iniziativa dell’assessore alla Cultura Dominga Martines e’ stato organizzato un incontro con i ragazzi della scuola media ‘Caduti di Nassiriya’’ durante il quale le classi hanno ascoltato il ricordo di Sebastiano Pieri ,vasanellese ucciso a Gusen, per  poi assistere a alla proiezione del film "Un sacchetto di biglie", la storia due ragazzini ebrei che fuggono dalle persecuzioni dei nazisti nella Francia collaborazionista.

Una celebrazione fortemente voluta dal Sindaco di Vasanello Igino Vestri , presente in sala con i ragazzi, che è stata preceduta dal racconto agli studenti di Vasanello della storia del loro ‘compaesano’ Sebastiano Pieri. E’ stata Maria Allegrini, nipote di Pieri, a raccontare  ai giovani di Vasanello il coraggio dello zio ,al quale il Comune di Vasanello ha dedicato "una pietra di inciampo" apposta davanti all’ingresso del Comune nel 2022. ‘Ucciso per aver scelto di aiutare ‘questo è stato il destino di Sebastiano Pieri, ha raccontato Maria Allegrini agli studenti ‘,di origine vasanellese, agente di custodia della Polizia penitenziaria lavorava a Milano nel carcere di San Vittore nel 1944 .

La storia

Sebastiano Pieri fu’ scoperto ad aiutare i detenuti : nascondeva nella fodera del berretto di ordinanza i messaggi tra i prigionieri (antifascisti ed ebrei, destinati ai campi di concentramento nazisti) e i loro parenti,per questo fu arrestato, quindi deportato a Fossoli, da qui a Mauthausen e infine a Gusen dove venne assassinato il 19 gennaio 1945. ‘Una storia di coraggio di un ‘eroe normale della nostra terra’ che i ragazzi di’ Vasanello devono conoscere e tramandare’ , ha detto l’assessore alla cultura Dominga Martines, ‘un nostro compaesano che ha pagato con la vita il non voler essere indifferente di fronte al più grande crimine della storia contro l’umanità commesso dai nazisti che e’ stato l’olocausto, chi è indifferente e’complice ha detto la senatrice Liliana Segre, ha proseguito l’assessore Dominga Martines, e Sebastiano Pieri non lo è stato.

Il Sindaco Igino Vestri intervenuto prima della proiezione,rivolgendosi ai ragazzi ha ricordato che "Con la ‘giornata della memoria ‘ tutto il mondo onora la memoria di milioni di vittime dell'Olocausto,un crimine dei nazisti che non sarà mai dimenticato e  che e’ costato la vita a milioni di persone innocenti.
Per questo ha concluso Vestri , le iniziative più importanti in questa giornata sono quelle che coinvolgono i giovani, perché ogni nuova generazione deve sapere la verità sull'Olocausto ,questo è fondamentale per garantire che ciò non possa accadere mai piu’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della memoria, i ragazzi di Vasanello riuniti per le celebrazioni

ViterboToday è in caricamento