rotate-mobile
LOTTA AL DEGRADO / Palazzina / Via di Prato Giardino

Pratogiardino, laghetti ripuliti dalla melma: i volontari della Lav salvano mille pesci e tutte le tartarughe

Maria Grazia Pompei, della Lega antivivisezione: "Il parco mai stato così pulito, l'amministrazione attenta al benessere animale"

L’assoluto stato di degrado di cui è preda Pratogiardino ha fatto discutere molto in questi giorni. Ieri, però, qualcosa ha iniziato a muoversi verso la strada che porta alla riqualificazione: le ditte dello spurgo hanno infatti pulito il laghetto centrale (quelli di fronte al cancello d’ingresso) togliendo la melma e cambiando l’acqua ormai putrida e verde. Prima è stata stappata la tubazione, così il livello dell’acqua si è abbassato e la pulizia è potuta cominciare. Oggi il lavoro sarà terminato, con gli ultimi rimasugli di melma e fango che saranno tolti cin una pompa. Domani, infine, l’acqua sarà definitivamente sostituita tramite l’installazione di nuove pompe di ricircolo. Dopodiché, tutto questo processo sarà ripetuto nel secondo ed ultimo laghetto. 

Un intervento, questo, che Pratogiardino non vedeva da diversi anni. Anzi, per Maria Grazia Pompei, di Lav, questa è la prima volta. Ieri, insieme ai volontari dell’associazione animalista, anche lei era all’interno del parco per dare una mano alle ditte e soprattutto agli abitanti dei laghetti: “Quando l’acqua si è abbassata di 30 cm, noi siamo entrati e, con i retini, abbiamo catturato e salvato quasi tutti i pesci presenti, circa un migliaio, e tutte le dieci tartarughe presenti. Li abbiamo estratti dall’acqua, messi in dei bidoni e poi spostati nell’altro laghetto”. Per Pompei, questo non era mai stato fatto: “Non avevamo idea di dover faticare cosi tanto, ci è servita praticamente tutta la giornata, dalla mattina alla sera. E facevano quasi 40 gradi. È stata un’operazione complessa e non semplice, si fa presto a dire ‘pulite il lago’ ma non è esattamente così. Prima d’ora i pesci non erano mai stati spostati, per cui vorrei capire che fine hanno fatto quelli presenti negli scorsi anni”.

Volontari di Lav salvano mille pesci e dieci tartarughe del laghetto di Pratogiardino-3

Eppure, spesso sui social cittadini e non solo criticano le condizioni in cui versa Pratogiardino. Maria Grazia sostiene dell’altro: “Credo di poter parlare con cognizione di causa, visto che abito in via di Pratogiardino, dove ho una colonia felina. Visito il parco due volte al giorno e non è mai stato pulito come ora. Poi, chiaramente, se le persone sono sporche e buttano le carte nel prato c’è poco da fare. Però le siepi sono state potate, i laghetti finalmente puliti e molte altre cose rimesse a posto”. Questo anche grazie al contributo di Lav: “Abbiamo aiutato il Comune su richiesta dell’assessore Stefano Floris e del consigliere Francesco Buzzi. Siamo stati molto contenti di essere stati chiamati da loro sia per dare consigli che per aiutare concretamente”. 

Volontari di Lav salvano mille pesci e dieci tartarughe del laghetto di Pratogiardino-4

Pompei, infine, ritiene che l’amministrazione Frontini, sul fronte del benessere animale, si stia muovendo bene: “Sono molto attenti a questo aspetto, lo hanno dimostrato anche in altre situazioni. Lav è la più importante associazione animalista d’Italia e, alle scorse comunali, abbiamo sottoposto un nostro programma a tutti i candidati sindaci. Chiara Frontini lo ha firmato quasi tutto e dobbiamo dire che sta mantenendo fede alle parole date. Il fatto poi che ci sia in Consiglio una persona competente come Buzzi alla delega al benessere animale lascia intendere che si potrà solo che migliorare”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pratogiardino, laghetti ripuliti dalla melma: i volontari della Lav salvano mille pesci e tutte le tartarughe

ViterboToday è in caricamento