rotate-mobile
RISCOPERTA DELLE AREE ARCHEOLOGICHE / Tuscania

L'Ara del Tufo di Tuscania torna a "rivivere": al via i progetti di recupero dell'area archeologica

Gruppo archeologico Tuscania: "Gli interventi di recupero saranno portati avanti in collaborazione con la Soprintendenza a archeologica belle arti paesaggio Etruria Meridionale"

L'area archeologica di Ara del Tufo tornerà a "rivivere". La necropoli etrusca sarà oggetto di "importanti interventi di recupero come sempre coordinati e supervisionati dalla Soprintendenza archeologica belle arti paesaggio Etruria Meridionale" fa sapere il Gruupo archeologico città di Tuscania. Una zona di interesse storico, archeologico e turistico dove è possibile visitare tombe etrusche risalenti più o meno ad un periodo compreso tra il VII e il II secolo a.C. I momunmenti funebri presenti, si a tumulo che a camera, hanno restittuito oggetti in ceramica di valore inestimabile dal punto di vista dello studio della cultura etrusca, ma anche oggetti di origine greca.

Grazie ai lavori di riqualificazione e recupero dell'area, l'associazione "Gruppo archeologico città di Tuscania" potrà riavviare progetti di spessore che interessino le aree archeologiche in questione, riportando di fatto il sito storico tra le mete culturali della Tuscia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ara del Tufo di Tuscania torna a "rivivere": al via i progetti di recupero dell'area archeologica

ViterboToday è in caricamento