rotate-mobile
provincia

Allarme xylella, la "killer degli ulivi" si abbatte su Tarquinia: scatta la lotta per contenere il batterio

L'università della Tuscia si occuperà delle analisi

Un focolaio di xylella fastidiosa ha colpito la città di Tarquinia. Per questo la Regione Lazio ha incaricato il Dafne, il dipartimento di scienze agrarie e forestali dell'università della Tuscia, di indagare sul fenomeno per mettere in campo, in futuro, le necessarie contromisure. Continua, anche nel Lazio, la lotta alla “killer degli ulivi”, la xylella, divenuta tristemente famosa nel 2013 quando distrusse migliaia di ulivi in Puglia.

Il ritrovamento a Tarquinia

A novembre 2022 sono stati rinvenuti due nuovi focolai del batterio xylella fastidiosa a Taqruinia. La Regione Lazio, grazie a un accordo di collaborazione sottoscritto nel 2020, ha immediatamente attivato il Dafne per indagare sulla situazione di quei luoghi, finanziando la ricerca con circa 140mila euro. Il ritrovamento del batterio, in ottemperanza a quanto disposto dall’Unione europea, rende necessario lo svolgimento di un monitoraggio rafforzato e di una intensa attività di diagnosi sui materiali vegetali campionati. Un’azione che non si svolgerà solo sulle aree già colpite dalla xylella ma anche sui terreni ancora indenni. Il tutto per riuscire a eradicare il batterio e a prevenirne la diffusione.

Come avverranno le indagini

L’attività diagnostica sarà effettuata su materiale biologico vegetale e animale. Il materiale prelevato verrà consegnato ai laboratori del Dafne. A conclusione delle indagini laboratoristiche, il dipartimento dovrà provvedere all’invio di un puntuale rapporto con l’esito delle analisi svolte. Qualora sia rilevata la presenza della xylella, verranno subito imposte le misure fitosanitarie previste dalla normativa europea in materia. In tutto verranno prelevati e analizzati 2mila campioni. I monitoraggi si svolgeranno in boschi, foreste, aree agricole, aree urbane, parchi pubblici, aree naturali dove sono presenti le specie vegetali suscettibili all’attacco da parte della xylella fastidiosa e altri organismi nocivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme xylella, la "killer degli ulivi" si abbatte su Tarquinia: scatta la lotta per contenere il batterio

ViterboToday è in caricamento