rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
provincia Civita Castellana

Carabinieri, in pensione comandante e vice della stazione di Civita Castellana

I luogotenenti Francesco Ioncoli e Carlo Marigliano lasciano il servizio attivo

Carabinieri: lasciano il servizio attivo i luogotenenti Francesco Ioncoli, comandante della stazione di Civita Castellana, e il suo vice Carlo Marigliano.

Francesco Ioncoli

Il luogotenente Francesco Ioncoli-2

Francesco Ioncoli, originario di Ronciglione, si è arruolato tra le fila della Benemerita nel 1986, frequentando prima il corso Allievi carabinieri, poi, nel 1989, la scuola sottufficiali di Velletri al termine della quale è stato destinato alla stazione di Macchiareddu quale sottufficiale in sottordine e di cui qualche anno dopo è diventato comandante.

Nel 1998 è approdato al comando generale dell’Arma – Secondo reparto ufficio operazioni dove ha partecipato alla pianificazione di un reparto schierato all’estero per svolgere i compiti di peacekeeping in Bosnia e, soprattutto, alla nascita della Multinational specialized unit, reparto di eccellenza dell’Arma schierata in numerosi teatri di operazioni dell’area balcanica (Kosovo e Albania) e in Medioriente (Iraq).

Nel settembre 2002 è stato destinato, come comandante, alla stazione carabinieri di Castiglione in Teverina e successivamente al nucleo investigativo carabinieri di Viterbo fino al 24 febbraio 2004 quando ha fatto rientro al comando generale - Ufficio piani e polizia militare. Nel settembre 2011 è stato destinato al nucleo investigativo carabinieri di Roma. Nell’agosto 2016 ha assunto l’incarico di comandante alla stazione di Nepi, fino al maggio 2018 quando è stato trasferito, sempre come comandante, alla stazione di Civita Castellana.

Ha partecipato a due missioni all’estero nella Msu-Kfor a Pristina nel 2002 e nel 2013. Ha ottenuto le onorificenze per il sisma ad Haiti del 2020, missione Nato in Afghanistan, la medaglia Unione europea.

Carlo Marigliano

Il luogotenente Carlo Marigliano con il comandante provinciale Massimo Friano-2

Il luogotenente carica speciale Carlo Marigliano ha invece trascorso quasi ininterrottamente ben 33 anni nella stessa sede. Originario di Napoli, aveva 17 anni quando ha trovato ispirazione nella divisa da appuntato del papà dell’amico con cui era solito studiare. In quella divisa aveva iniziato a immaginare la sua futura vita, e così si è arruolato nel luglio del 1986 quale allievo carabiniere. Al termine del corso, frequentato alla scuola allievi di Campobasso, come prima destinazione gli è toccata la stazione Bari - San Paolo.

Vinto il concorso per sottufficiali alla scuola di Firenze, due anni dopo è stato promosso vicebrigadiere e l’11 giugno 1990 è stato destinato alla stazione di Civita Castellana dove è rimasto fino ad oggi, ad eccezione di una sola pausa di appena circa tre anni (dal 1996 al 1999) trascorsi al servizio amministrativo della legione Lazio. Durante il lungo percorso civitonico, il luogotenente Marigliano ha maturato la sua esperienza anche all'aliquota radiomobile e all'aliquota operativa del dipendente Nor.

La lunga permanenza del luogotenente ha avuto come diretta conseguenza quella di costituire, senza ombra di dubbio, il vero punto fermo di riferimento per chiunque: per i cittadini, per i colleghi, per i superiori, per i militari neo giunti e in via di formazione. Inoltre, la sua memoria è più potente di un qualunque database: ricorda perfettamente nomi, date, situazioni, aneddoti, informazioni che in tante circostanze si sono rivelate assolutamente preziose, come assolutamente preziose sono state le sue presenze a bordo campo durante tutti gli incontri casalinghi del Flaminia, nonché tutte le sfilate del carnevale civitonico dal 1983 ad oggi, che dovrebbero superare quota 60.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri, in pensione comandante e vice della stazione di Civita Castellana

ViterboToday è in caricamento