rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
social

Viterbo tra parchi e orti botanici, i cinque giardini da visitare e scoprire: la mappa

Una panoramica su alcuni spettacolari luoghi da scoprire e ammirare in tutta la loro bellezza. Ecco i cinque più votati su Tripadvirsor

Natura in fiore e tripudio di colori. Ma anche raffinate architetture verdi e lussureggianti prati. Con l'arrivo della primavera esplode anche la voglia di trascorrere del tempo all'aria aperta. Passeggiate nei parchi, sentieri da esplorare e aree verdi dove perdersi sono tra le attività preferite da famiglie e non. A Viterbo, se si desidera passare qualche ora di relax all'aperto, è possibile visitare giardini spettacolari. Di seguito riportiamo la classifica dei cinque giardini più apprezzati di Viterbo secondo gli utenti di Tripadvisor.com

I giardini di Villa Lante a Bagnaia

Attrazione principale contano anche giochi d'acqua, cascate, fontane e grottini sgocciolanti. Nel 2011 è stato scelto come “il parco più bello d’Italia” e dal 2015 fa parte del Polo museale del Lazio. Il giardino si presenta come una cascata d’acqua che scende dalla cima delle colline verso una conca a valle. L’acqua, incanalata nei bacini e nei percorsi scolpiti delle fontane monumentali (Il Diluvio, i Delfini, la Catena, la Tavola, I Giganti – Arno e Tevere – I Lumini, La Fontana del Quadrato), sorprende ancor oggi per la delizia del piacere visivo e sonoro. Ricca di alberature storiche (pini, platani orientali, tassi e bossi), è espressione della capacità umana di domare il paesaggio in un continuo gioco di inattese meraviglie.

Centro Botanico Moutan

Carlo Confidati, imprenditore viterbese amante di giardini, negli anni novanta si avvicinò per la prima volta all'affascinate mondo delle peonie. La sua passione per il verde e l'incredibile storia che racchiude il raro fiore, lo portarono subito ad approfondirne la conoscenza botanica. Dal 2003 il Centro è aperto ai visitatori e al suo interno sono nati dei suggestivi angoli di giardino dove godere dei colori e dei profumi della natura. Ai colori delle peonie è ispirato anche il Colour cafè, un "garden restaurant" informale e raffinato, in cui domina un'atmosfera familiare e ricercata.

Tutte le info

Giardino La Perella

Colore, profumi e meraviglia. Un vero e proprio angolo di paradiso immerso nel verde dei Monti Cimini nato e curato quotidianamente da Tiziano Bordo.

Orto Botanico Angelo Rambelli

L'Orto Botanico 'Angelo Rambelli' è una struttura dell'Università degli Studi della Tuscia preposta alla didattica universitaria, alla ricerca, alla conservazione ex situ/in situ, alla divulgazione e riveste un ruolo fondamentale nella diffusione delle conoscenze scientifiche. L'orto sorge a circa 300 m s.l.m. in prossimità della storica sorgente termale del Bulicame, citata già da Dante nel XIV Canto dell'Inferno, e si estende su una superficie di circa 6 ha a ovest di Viterbo. L'area è suddivisa in parcelle che ospitano piante disposte secondo criteri tassonomici, fitogeografici e ricostruzioni ambientali, compatibilmente con le caratteristiche climatiche e pedologiche dell'area.

Tutte le info

Tuscia Flower

Tuscia Flower nasce da un’idea dell’Azienda Agricola GFM che da anni si occupa di coltivazione, produzione e vendita di prodotti rigorosamente biologici.

Per accedere a Tuscia Flower è necessario acquistare in loco un buono comprensivo di ingresso, visita al parco e fiori raccolti. Non è necessaria la prenotazione. Info: email info@tusciaflower.it o 353.3689502

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viterbo tra parchi e orti botanici, i cinque giardini da visitare e scoprire: la mappa

ViterboToday è in caricamento