rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Altro

Equiparazione tra scherma olimpica e paralimpica, a Viterbo si fa il futuro

Domani l'evento "Io e te sulla stessa pedana": la città dei papi si fa portabandiera di un forte messaggio inclusivo

Sport, inclusione e resilienza sabato 25 novembre, alle 17, nella sala regia di palazzo dei Priori. "Io e te sulla stessa pedana, questo il nome dell’evento – spiega la sindaca Chiara Frontini -. Sarà il primo di una serie di incontri organizzati e promossi per sensibilizzare il mondo dello sport su come il mondo olimpico e il mondo paralimpico possano collaborare e uniformarsi. Un'occasione unica per appassionati di sport e chiunque creda nell'importanza dell'inclusività nello sport".

"I limiti che oggi i giovani atleti sembrano volersi porre – aggiunge l'assessore allo sport Emanuele Aronne - sono troppo spesso degli alibi per giustificare se stessi. L'obiettivo di questo incontro è mostrare come, con la sola forza di volontà, si possano raggiungere massimi risultati. E il mondo della scherma è probabilmente quello che maggiormente ha compreso questa possibilità creando una vera e propria famiglia senza distinzioni".

All'evento interverranno Irene Vecchi, sciabolatrice due volte bronzo mondiale, Leonardo Rigo, oro nel fioretto paralimpico ai campionati mondiali di Terni 2023, Edoardo Giordan, bronzo sciabola ai campionati mondiali di Terni 2023, Julia Anna Markowska, sesto posto nella spada ai mondiali di Terni 2023. Inoltre, saranno proiettati i messaggi inviati da Bebe Vio e Daniele Garozzo.

Durante l'evento verrà presentato il libro del giornalista Fabio Massimo Splendore "Le leggende della scherma". Moderatori Dario Cioffi, capo ufficio stampa Federscherma e la stessa sciabolatrice Irene Vecchi, autrice della prefazione. Per l'amministrazione comunale interverranno la sindaca Chiara Frontini, l'assessore allo sport Emanuele Aronne, le consigliere comunali Francesca Pietrangeli e Maria Rita De Alexandris.

Tra gli ospiti anche il presidente del comitato regionale Lazio Federscherma Claudio Fontana, il direttore tecnico Fiamme oro Andrea Aquili e il ct sciabola paralimpica Marco Ciari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Equiparazione tra scherma olimpica e paralimpica, a Viterbo si fa il futuro

ViterboToday è in caricamento